La convivenza per alcuni giorni con altre persone in autogestione, il condividere gli atti normali della vita quotidiana, porta a conoscere nuovi aspetti, a costruire nuove e più solide relazioni.

Ci si focalizza sui propri stati d’animo, sui cambiamenti che avvengono dentro sé così come accade nel terreno, nel panorama, nel cielo o nel meteo, in una continua iterazione con la natura.

Le difficoltà portano al contatto con emozioni negative che sempre più spesso l’individuo nega a sé stesso che fatica a riconoscere.

Fa stare bene per: movimento, scoperta natura, esperienza di convivenza, vita all’aria aperta, autostima.


Attività riservata ai Soci.

Vacanze